DANILO CALLEGARI
South America Extreme 2011.

La possibilità di trovarsi faccia a faccia con elementi ignoti o incontrollabili della natura e le condizioni in cui si vivono sensazioni fisiche fuori dal comune, sono indubbiamente intrecciate al proprio rapporto con la vita, alla necessità personale di sfidarla, di sentirsi padroni e di controllarne anche gli eventi più incerti.

Da qui nasce l’ideazione di una prova come South America Extreme 2011. Una sfida estrema, all’estremità del mondo.

Da Lima in bicicletta per 1.400 km, fino al lago Titicaca: in canoa per 200 km. Per poi proseguire in bicicletta per altri 650 km e raggiungere il più grande lago salato del mondo 12.000 km2, il Salar de Uyuni: 100 km in bicicletta sulla superficie del lago. Per poi continuare per altri 950 km al deserto Atacama: traversata in autosufficienza del deserto. Si continua percorrendo 1000 km in bicicletta fino al Cerro Aconcagua: salita solitaria della più alta montagna di tutto l’emisfero meridionale 6.962 metri. Dopo 4 mesi e 4.500 km percorsi in bicicletta, in canoa e in arrampicata, l’arrivo Santiago del Cile.


Il brief

  • Far conoscere lo sportivo Danilo Callegari e le sue avventure.
  • Definire l’immagine di presentazione di Danilo e il concept dell’impresa South America Extreme 2011.
  • Promuovere SAE2011 sul maggior numero di media possibili.
  • Coinvolgere il pubblico rendendolo parte attiva, per mantenere continuità nell’interesse verso Danilo.


BrandNew

È stata ideata tutta l’immagine legata a Danilo e alla sua sfida, dal marchio personale alla comunicazione.

Sono stati creati e realizzati supporti quali: folder, cartoline, locandine, banner e cartella stampa, presentati e distribuiti durante le conferenze stampa ufficiali pre e post impresa.

Sono stati inoltre coinvolti la maggior parte degli sponsor, che si sono interessati alle sfide di Danilo e che hanno contribuito alla realizzazione di South America Extreme 2011.




MySocialWeb

La diffusione e promozione dell’impresa è avvenuta in modo capillare su web.

In primis grazie alla realizzazione di un sito internet (www.danilocallegari.com) sia dal punto di vista grafico che della programmazione, contenente anche un blog aggiornato costantemente, direttamente da Danilo, durante tutta la durata del suo viaggio.

In contemporanea sono state seguite attività di ufficio stampa online e social marketing, con invio di comunicati stampa ai maggiori portali di interesse e DEM per le conferenze stampa, gli eventi collegati e gli aggiornamenti costanti degli spostamenti di Danilo, degli obiettivi raggiunti e delle sue condizioni psico-fisiche, durante tutta l’impresa.

Sono stati attivati (se non già esistenti), aggiornati e gestiti la fan page di Facebook, il profilo Twitter, Google+ e il canale YouTube. È stata predisposta una campagna promozionale Facebook Ads, monitorata quotidianamente per portare la maggior affluenza possibile nella fan page e incrementare i Like, passando da 100 a 900 fan in due settimane, e di conseguenza aumentando notevolmente il brand awareness di Callegari.

Successivamente, con il materiale video girato direttamente da Danilo, è stata curata la produzione e post-produzione di un video che presenta la panoramica di tutta la sua avventura.